Pubblicato il

Promise e Async/Await

Autori
JavaScript

Promise

Le promise sono la base della gestione di operazioni asincrone in JavaScript. La sintassi è più pulita e più facile da usare rispetto alle callback.

Le promise sono oggetti speciali in JavaScript che consentono di associare funzioni di callback all'eventuale completamento riuscito o non riuscito di un'operazione asincrona. Le promise possono essere create con una nuova istanza dell'oggetto Promise, passando una funzione di callback al costruttore:

function funcCallback(resolve, reject) {
  if (1 + 1 === 2) {
    resolve()
  } else {
    reject()
  }
}
const myPromise = new Promise(funcCallback)

La funzione di callback funcCallback passata al costruttore Promise riceve due funzioni di callaback: resolve e reject. La funzione resolve viene invocata se tutto va bene; altrimenti, viene invocata la funzione reject.

Una promise può trovarsi in uno dei seguenti stati:

  1. resolved: quando il codice associato alla promise viene completato correttamente e viene chiamata la callback di risoluzione
  2. rejectd: quando il codice associato alla promise fallisce, viene invocata la callback di rifiuto
  3. pending: quando la promise non è stata né risolta né rigettata
  4. fulfilled: quando la promise è stata risolta o rigettata.

La promise può anche restituire informazioni (valori) prendendo i valori restituiti come argomenti:

function funcCallback(resolve, reject) {
  let sum = 1 + 1
  if (sum === 2) {
    resolve('1 + 1 è effettivamente uguale a 2')
  } else {
    reject('ops! Si è verificato un errore')
  }
}
const myPromise = new Promise(funcCallback)

Ora ti starai chiedendo come fai a capire se una promise ha esito positivo o negativo e come accedere alle informazioni o ai valori restituiti dalle funzioni di callback di risoluzione o rifiuto. JavaScript ha altri tre gestori di metodi dell'oggetto Promise: sono i metodi then, catch e finally.

Di seguito un esempio per scoprire se la promise è riuscita o non è riuscita e quale informazioni (valori) sono stati restituiti:

myPromise
  .then((info) => {
    console.log(info) // '1 + 1 è effettivamente uguale a 2'
  })
  .catch((info) => {
    console.log(info) // 'ops! Si è verificato un errore'
  })
  .finally(() => {
    console.log('eseguito sempre')
  })

Un esempio di utilizzo in React può essere il recupero dei dati da un endpoint remoto:

function MyComponent() {
  const [names, setNames] = useState([])

  useEffect(() => {
    fetch('https://localhost:8080/names')
      .then((resp) => resp.json())
      .then((data) => setNames(data))
      .catch((error) => console.log(error))
  }, [])

  return (
    <div>
      {names.map((name, index) => {
        ;<li key={index}>{name}</li>
      })}
    </div>
  )
}

Nello codice riportato sopra, facciamo una richiesta all'endpoint remoto dell'API. Se l'operazione ha esito positivo (si risolve), viene eseguita l'istruzione del primo then, e la risposta viene convertita in un oggetto JSON. Questa conversione della risposta in un oggetto JSON è un'altra operazione asincrona, che se ha esito positivo, da seguito all'istruzione del secondo then, e i dati della richiesta vengono settati in names tramite la funzione setNames definita dall'hook useState. Se una delle due operazioni asincrone non riescono (rigettata), viene eseguito il codice del metodo catch, dove l'errore viene stampato sulla console.

Le promise sono ottime per gestire le operazioni asincrone ed evitare il Callback Hell. Andando oltre, ES2017 ha introdotto un'altra interessante funzionalità chiamata async/await, che è un modo più elegante per gestire le operazioni asincrone rispetto alle promise.

Async / Await

Async/Await è stato introdotto per rendere più semplice e pulito il lavoro con le promise. La sintassi è semplice e diretta:

async function myFunc() {
  await // operazioni asincrona
};

// utilizzando una arrow function
const myFunc = async () => {
  await /// operazioni asincrona
}

La parola chiave await deve essere utilizzata in una funzione e quella funzione deve essere contrassegnata come asincrona tramite la parola chiave async.

Convertiamo l'esempio sopra della promise:

function MyComponent() {
  const [names, setNames] = useState([])

  async function myFunc() {
    try {
      const resp = await fetch('https://localhost:8080')
      const data = await resp.json()
      setNames(data)
    } catch (error) {
      console.log(error)
    }
  }
  useEffect(() => {
    myFunc()
  }, [])

  return (
    <div>
      {names.map((name, index) => {
        ;<li key={index}>{name}</li>
      })}
    </div>
  )
}

La parola chiave await indica a JavaScript di sospendere l'esecuzione della funzione asincrona fino a quando il codice asincrono non viene soddisfatto (risolto o rigettato). Se il codice asincrono viene rigettato, viene eseguito il codice del blocco catch.

Buona lavoro 👨‍💻